Tai-Chi

Il Kung-fu è un'arte marziale tradizionale cinese, basata sulla ricerca e sulla conoscenza di se stessi, degli altri e delle cose che ci circondano. 

Il Kung-fu si presenta come l'arte marziale più completa perche comprende sia esercizi a mani nude, sia esercizi con le armi, combattimenti simulati contro una o più persone, gare di lotta a terra o in piedi, gare di forma, esercizi acrobatici ed infine difesa personale. Oltre tutto, è per tutti e fa bene a qualsiasi età, poiché grazie agli esercizi degli "stili interni" (Chi- Kung e il Tai-Chi-Chuan) è possibile liberarsi dallo stress, mantenersi giovani ritrovando la propria energia proprio equilibrio psico-fisico e anche curare e prevenire alcune malattie.

Nel Gong-Fu (Kung-Fu), alle tecniche a mani nude, gli allievi sono addestrati all'uso di armi tradizionali e nella difesa personale Il Tai Ji Quan è particolarmente indicato per tutte quelle persone che vogliono rilassarsi, liberarsi dallo stress e mantenersi giovani ritrovando la loro energia e il loro psico-fisico equilibrio praticare questa antica arte. Alla palestra il Mondo Fitenss trovi il maestro Rene e i suoi istruttori!

Un po’ di storia.
Il Tai Chi è praticato da secoli dai monaci dei templi Shaolin in Cina, per assicurare la corretta qualità e quantità di sollecitazioni muscolari ed articolari a persone che svolgevano un'attività prevalentemente contemplativa, e pertanto caratterizzata da limitata attività fisica di altra natura (cammino, lavoro nei campi o di altro tipo).
Creato nel monastero Daoista (Taoista) nella montagna Wudang, provincia Hubei
Motivazione originale: autodifesa e esercizio spirituale. Esercizio di meditazione basato su movimenti lenti e rilassati.
La diffusione in occidente è stata ritardata dalla necessità di non divulgare i segreti di tecniche di combattimento a potenziali nemici.
Infatti la rivelazione al grande pubblico, anche cinese, è relativamente recente (Yang – 1926), ma è diventato rapidamente uno dei metodi di auto trattamento più efficace per la promozione della salute. Introdotto nel mondo occidentale negli anni 60. Diverse esperienze e trial clinici hanno dimostrato la sua efficacia come aiuto per problemi di ipertensione, equilibrio e stabilità, problemi cardiaci, patologie respiratorie e altro.

Yin e Yang

Rappresentano le due forze opposte che sono alla base dell’equilibrio dell’universo e dell’uomo: il giorno e notte e il giorno, la luce e il buio, la terra e il cielo, maschile e femminile, il fuoco e l’acqua, basso e alto, negativo e positivo, vita e morte, movimento e immobilità.
Il disegno rappresenta in modo molto efficace i concetti che sono alla base di molti aspetti della cultura cinese, e quindi anche del Tai Chi, ma anche dei fenomeni dell’universo e della vita dell’uomo. Non c’è mai tutto Yin e tutto Yang, e questo è rappresentato dal cerchio bianco sulla parte nera e dal cerchio nero sulla parte bianca; infatti nella luce del giorno c’è anche l’ombra e nel buio della notte c’è la luce della luna e delle stelle.

 

La rappresentazione grafica del concetto di Yin e Yang evidenzia anche il passaggio graduale dalla condizione Yin (la parte nera) alla condizione Yang (la parte bianca) e viceversa, come ad esempio il passaggio dalla notte al giorno, cioè l’alba, e dal giorno alla notte: il tramonto. Ma anche il passaggio da posizioni statiche e dinamiche; non c’è movimento se non c’è un punto di appoggio sicuro per orientare correttamente il movimento. Il passaggio lento e graduale dalle posizioni statiche alle dinamiche permette di migliorare il controllo della corretta posizione delle varie parti del nostro corpo durante il movimento. C’è movimento anche quando siamo apparentemente immobili; infatti, per poter stare in piedi il sistema nervoso deve trasmettere con continuità degli stimoli per effettuare le contrazioni muscolari necessarie per mantenere la posizione eretta; infatti, quando vengono a mancare questi stimoli, come nel caso si uno svenimento, si cade. Con le pedane stabilometriche hanno potuto dimostrare che, stando immobili in piedi, c’è un continuo piccolo spostamento del centro di gravità; questi piccoli spostamenti sono rilevati dai “sensori” del nostro sistema nervoso, che provvede a trasmettere al nostro motore muscolare gli impulsi elettrici necessari per rimanere in piedi, anche se fermi e immobili.

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*